Regione Veneto

Informazioni ambientali

Procedura VAS per la revisione del Piano d'Ambito

Il nuovo Piano d'Ambito del Consiglio di Bacino "Laguna di Venezia" è stato adottato con deliberazione di Assemblea d'Ambito n. 19 del 13/12/2018. Nella pagina dedicata al Piano d'Ambito adottato sono consultabili anche i documenti relativi alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica: Rapporto Ambientale; Programma di Interventi; Programma di Monitoraggio; Relazione di Valutazione di Incidenza Ambientale (VIncA); Sintesi non tecnica del Rapporto Ambientale.


Analisi dell’acqua immessa in rete acquedottistica

Ai sensi del D.Lgs. 2 Febbraio 2001 n. 31 le acque fornite da pubblico acquedotto e destinate al consumo umano sono sottoposte a periodici controlli da parte dell'AULSS competente; inoltre anche il gestore del servizio idrico è tenuto ad effettuare periodici controlli interni per la verifica della qualità dell'acqua. Per tali informazioni si rimanda al sito del gestore del Servizio Idrico:

 

Bilancio idrogeologico e aree di salvaguardia

I dati sulla struttura del sottosuolo e degli acquiferi di interesse idropotabile nell'Ambito Territoriale Ottimale "Laguna di Venezia" e i dati relativi alla parametrizzazione idrogeologica, necessari alla valutazione del bilancio idrogeologico ed alla delimitazione delle zone di rispetto delle opere di presa acquedottistiche, sono raccolti nella pubblicazione: Risorse idriche e bilancio idrogeologico nell'Ambito Territoriale "Laguna di Venezia" 
 

 

Tempi di transito delle acque sotterranee e bacini di alimentazione delle falde

Alcune informazioni sulla caratterizzazione delle acque sotterranee per la definizione dei tempi di ricarica degli acquiferi utilizzati a scopo idropotabile e per l'individuazione delle aree di ricarica sono contenute nell'articolo: Tendenze evolutive nella ricarica degli acquiferi sotterranei nell’area di Scorzè 

 

LiDAR

L’evento meteorologico estremo del 26 settembre 2007 ha coinvolto in modo diffuso buona parte del territorio dell’ATO ‘Laguna di Venezia’ creando situazioni di emergenza, disagi e danni soprattutto nell’entroterra veneziano, dovuti in taluni casi anche alla inadeguatezza delle reti fognarie miste.
In considerazione dell’iniziativa intrapresa dalla struttura commissariale, che ha commissionato il rilievo LiDAR del territorio interessato dagli allagamenti, producendo un’enorme mole di preziose informazioni relativamente all’altimetria del suolo e degli elementi presenti su di esso, l’AATO ha deciso di estendere tali informazioni anche alla rimanente porzione di territorio di propria competenza. L’obiettivo generale del progetto era di costruire una base di conoscenza relativa alla situazione altimetrica del territorio con lo scopo di fornire il necessario supporto alle analisi di rischio di allagamento del territorio, alla modellizzazione idraulica dei flussi delle acque nere e miste e all’identificazione delle criticità dei sistemi di smaltimento delle acque in particolari condizioni meteoriche come quelle verificatesi il 26 settembre 2007.

Pubblicazione: Gestione del territorio 3D
Dati: Modello digitale del terreno
Il Modello Digitale del Terreno dell'ATO Laguna di Venezia risulta dall’integrazione del DTM 2008 dell'area di Mestre, realizzato dal Commissario allagamenti con volo del 2007, con il rilievo avionico LiDAR realizzato dal Consiglio di Bacino Laguna di Venezia nel 2010. L'acquisizione aerea della nuvola di punti è stata caratterizzata da una densità media dell’informazione pari a quattro punti per metro quadro, da una accuratezza verticale di +-15 cm e da una accuratezza orizzontale di +-40 cm. Il geoide di riferimento di tutte le quote riportate nel raster è ITALGEO 2005 (standard di riferimento regionale). Il raster scaricabile, che deriva da una riduzione di densità dell'informazione necessaria a rendere lo strato informativo gestibile via web, è caratterizzato da una cella di dimensioni a terra pari a 5x5 m. Le informazioni contenute nel livello informativo sono:

  • coordinata X;
  • coordinata Y;
  • quota Z in m sul livello medio del mare.

L’autorizzazione all’utilizzo dei dati comporta l’impegno da parte dell'utilizzatore a rispettare le seguenti condizioni:

  • non commercializzare i dati ricevuti;
  • citare la fonte negli elaborati in cui verranno utilizzati i dati forniti o derivanti dall’elaborazione dei medesimi, con la seguente dicitura: "I dati altimetrici derivano dal rilievo LiDAR realizzato dal Consiglio di Bacino (ex AATO) Laguna di Venezia nel 2010. Fonte: Gestione del Territorio 3D, progetto per la elaborazione del modello digitale del terreno dell'ATO "Laguna di Venezia attraverso la realizzazione di un rilievo LiDAR. Venezia 2011".
Descrizione File
Nessun documento caricato per la categoria selezionata
torna all'inizio del contenuto