Regione Veneto

Pianificazione e governo del territorio

Compiti istituzionali del Consiglio di Bacino

Il Consiglio di Bacino rappresenta la pubblica amministrazione che garantisce ai cittadini nei territori di propria competenza la corretta gestione del servizio idrico integrato ed il perseguimento degli obiettivi di tutela qualitativa e quantitativa della risorsa idrica.
E' netta quindi la distinzione di ruoli fra il Consiglio di Bacino, che definisce gli obiettivi, approva e controlla la realizzazione del Piano d’Ambito, e il Gestore che organizza il servizio per realizzare gli obiettivi del Piano. Il Consiglio di Bacino verifica il raggiungimento degli obiettivi del Piano d’Ambito, attraverso il monitoraggio dei piani triennali degli interventi, e definisce la tariffa che corrisponde al servizio reso dal Gestore in termini di acquedotto, fognatura e depurazione. Una Convenzione di gestione (contratto di servizio tra il Consiglio di Bacino ed il soggetto Gestore) ha poi il compito di fissare gli obiettivi e gli obblighi della gestione e stabilisce le modalità di verifica e d'intervento del Consiglio di Bacino per assicurare il raggiungimento dei risultati previsti. 
Il rapporto del Gestore con i cittadini è regolato, invece, dalla Carta dei servizi che stabilisce gli obblighi e le responsabilità del Gestore (livelli di qualità del prodotto e del servizio, tariffa, incrementi di efficienza, garanzie) e i diritti degli utenti (definizione di standard di sicurezza e qualità, informazione, continuità del servizio).

 

La pianificazione d’ambito

Il Piano d’Ambito è lo strumento di pianificazione per eccellenza del Consiglio di Bacino; si tratta di un documento che guida tutta l'attività decisionale e programmatoria del Consiglio di Bacino nell'organizzazione del Servizio Idrico Integrato. In esso sono delineate le linee di intervento necessarie ad assicurare una gestione efficiente, efficace ed economica del Servizio Idrico su una base temporale trentennale. Dal punto di vista dell'utenza, il Piano d'Ambito è importante perché definisce il piano economico-finanziario e determina la tariffa. In sintesi, il Piano d'Ambito deve prevedere:

  • analisi e ricognizione di reti, impianti ed infrastrutture adibiti al Servizio Idrico Integrato;
  • definizione degli standard di qualità del servizio, degli investimenti e delle tariffe;
  • controllo della corretta applicazione della tariffa e attuazione degli investimenti;
  • affidamento della gestione dei Servizi Idrici nell'Ambito Ottimale, regolato dai contenuti della Convenzione, del Piano d'Ambito e della normativa vigente.
 

Consulta il Piano d'Ambito e tutti i documenti ad esso correlati.

Descrizione File
Nessun documento caricato per la categoria selezionata
torna all'inizio del contenuto